Questione Casette ………. facciamo un po di chiarezza!

Oggi si è svolta la commissione trasparenza indetta dal presidente Fabrizio Tomei consigliere dell’opposizione. Con tra i vari punti all’ordine del giorno la questione delle oramai famose casette natalizie .Presente anche l’Avvocato Gianluca Cesarini in veste di amministratore unico della Poseidon s.r.l. e alcuni assessori e dirigenti comunali di competenza.
Ricordiamo commissione aperta al pubblico come da regolamento.

In questi giorni si sono dette e scritte le più svariate cose in merito a questa faccenda.

Allora iniziamo

Avviso di Pubblico interesse :

L’amministrazione Comunale si è interessata nei mesi scorsi a verificare quali fossero i presupposti per creare degli eventi natalizi, il tutto è stato fatto nel l’intento di minimizzare i costi visto lo stato delle casse comunali notoriamente vuote come ben noto a tutti ; quindi l’Ente  indice un Avviso di pubblico interesse coinvolgendo la cittadinanza a prendervi parte. La posizione ferma dell’ente Comunale è quella di proseguire l’indirizzo dettato dalla precedente commissaria.
Nessuno intermediario di tipo privato o associativo , ma intesa diretta con i singoli commercianti.
Il Comune si interessa a titolo solo di garante, di reperire attraverso ricerca di mercato e controlli camerali a maggior tutela del cittadino di trovare una ditta che fornisse le casette per il progetto “La Città di Natale”; attraverso appunto la partecipazione degli operatori ,scelti in base ai parametri dettati dall’avviso pubblico, questi vengono messi in contatto con la ditta MM Service di Chieti, azienda scelta dagli operatori stessi tra quelle presentatesi in virtù dei preventivi, i quali bonificano delle quote in favore della ditta citata in accettando cosi le condizioni della ditta fornitrice.


Questione Mancata consegna dei  Chioschi:

Il giorno 6/12/2016 non si riesce più a contattare il responsabile della MM Service per stabilire orari e modi di consegna già previsti per il giorno seguente. L’amministrazione comunale allertata da questo strano comportamento si muove chiamando le autorità locali per riuscire a mettersi in contatto con la ditta stessa; da questo emergono alcune anomalie per le quali fanno scattare da parte dell’ente un’immediata lettera di diffida nella quale si chiede l’adempimento della consegna entro i termini previsti ( 7/12/2016 ore 08.00 ) o la restituzione delle quote già precedentemente versate.  In allegato alla diffida vengono messe anche copia dei bonifici effettuati dai commercianti aderenti all’iniziativa


Perché il Comune di Nettuno è intervenuto con la diffida poiché le trattative erano tra operatori e la ditta ?

In segno di tutela dell’immagine stessa che ne avrebbe conseguito negativamente la cittadina e dei suoi abitanti, è stato un dovere morale intervenire, interessa gli stessi operatori a sporgere querela e esso stesso costituirsi parte civile nell’azione legale che ne potrebbe conseguire.


Chi ha acquistato le Casette?

La Poseidon acquista le casette ai fini dello svolgimento del servizio quale bene strumentale e le stesse sono date in uso gratuito al Comune che le affida ai commercianti. In poche parole , Poseidon diviene proprietario dei fabbricati che li mette poi a disposizione dell’ente comunale per gli eventi laddove necessitano l’uso degli stessi,
La Poseidon può fare acquisti per conto proprio.
La Corte dei conti Conferma tale scelta, può operare in piena autonomia non usando mezzi e strumenti comunali ma può agire adottando beni diversi allo scopo di eseguire i servizi affidati.


Chi ha incaricato la Poseidon di acquistarle?

Attraverso la delibera di giunta numero  69 DEL 07/12/2016
Fatte le valutazioni del caso si procede seguendo la normativa vigente si agisce di conseguenza.
Di fornire indirizzo al dirigente della competente area di incaricare la Soc. partecipata Poseidon srl, della fornitura di n° 19 chioschi in legno, al fine di organizzare il programma previsto dalla Giunta Comunale con delibera n 58/2016 e nello specifico del mercatino delle attività artigianali da tenersi dall’8 dicembre 2016 all’8 gennaio 2017.
Scaricabile da qui

Casette consegnate il giorno 9/12/2016 alle 23.00, montate il giorno successivo. Dalla Mattinata di domenica 11 dicembre i chioschi sono stati messi a disposizione, quindi, gli operatori hanno potuto svolgere le attività di allestimento e già dal primo pomeriggio alcune casette erano già operative; i commercianti operano secondo le normative e secondo gli accordi presi con l’Amministrazione:
-Contratto in comodato d’uso gratuito
-Suolo pubblico
-Assicurazioni


Con quali risorse economiche ?

Le casette sono state comprate utilizzando le risorse economiche della Poseidon; tali fondi si sono ottenuti attraverso una spending review volta a un ottimizzazione delle risorse, alla revisione del piano finanziario ed alla corretta utilizzazione del personale.


Quali sono i costi ?

  • 15000 €+ iva Totale 18600 € Per tutte le 19 casette. Spendendo la stessa cifra che si sarebbe spesa per il noleggio facendo così invece diventano di proprietà della Poseidon.
  •   1.500 € Trasporto/scarico e parte del montaggio.
  •   1.500 € Costo del trattamento per il legno ( che verrà effettuato a fine utilizzo).

Il totale della spesa è di : 21.600 €
Mentre gli anni passati dove per il solo periodo natalizio (capodanno escluso) si è speso cifre superiori ai 50.000 € ad anno si nota un notevole risparmio e fronte di una migliore fruibilità.


Perché sono grezze? Perché il legno non è stato trattato?

Visto i tempi ristretti per poter realizzare il Mercatino né il fornitore, né la Poseidon hanno avuto il tempo materiale per poterle trattare e rifinire. Questo verrà fatto al termine del Mercatino con l’aggiunta di un sistema di montaggio/smontaggio rapido, in modo tale da rendere più efficiente e veloce l’allestimento delle casette.


Durante la seduta vi sono stati diversi tentativi di intromissione da parte del pubblico che vengono ovviamente chiamati al rispetto delle regole che non prevedono interventi esterni ai componenti della commissione.
Nonostante più e più spiegazioni da parte dell’amministratore unico della Poseidon, la presidenza della commissione e i consiglieri d’opposizione facenti parte insistono a non capire e ad apporre ripetutamente le stesse domande.
La cosa interessante è la seguente: i 5 legali presenti spiegano le motivazioni giuridico/legali e normative con le quali sono state fatte le procedure sopra spiegate, ma l’impressione sembra essere di un ostruzionismo volto a non portare da nessuna parte se non puramente polemico.